In questo anno pastorale nel quale il nostro vescovo Erio desidera attirare la  nostra attenzione sulla realtà delle parrocchie, risuona pressante l’invito a rimettere al centro le esperienze essenziali della vita comunitaria, senza le quali anche le strutture e le iniziative parrocchiali si rivelano senza voce e incapaci di imprimere la forza del vangelo.
Così affermava il vescovo alla tre giorni pastorale del giugno scorso:
“Qual è l’essenziale? Gli elementi essenziali della comunità sono semplicemente Gesù e un gruppo, anche minimo, di discepoli riuniti nel suo nome. Ma riunirsi nel suo nome non significa semplicemente mantenere un buon ricordo e neppure solo una bella dottrina, ma una presenza viva; non l’adesione ad un saggio insegnamento, ma la fede nella presenza del Risorto è ciò che caratterizza i discepoli di Gesù e ne fa una comunità riunita nel suo nome.”
La stessa evangelizzazione e i percorsi di IC non possono quindi prescindere da una vita liturgica capace di generare e rigenerare la comunità cristiana e sempre nuovi credenti. Non possiamo infatti pensare che la catechesi e l’annuncio, oggi, siano semplicemente finalizzate a preparare ai sacramenti,  ma si tratta di attivare processi di iniziazione alla fede che permettano di immergersi continuamente nella vita del Risorto. Questa esperienza esige una cura e una attenzione particolari a come le nostre comunità partecipano alla liturgia e in particolare alla eucarestia domenicale.
Questo tema, già al centro della riflessione dell’UCD lo scorso anno, chiede di essere approfondito. Riteniamo che una seria riflessione sulla liturgia e i sacramenti della IC, permettano di imprimere nuova linfa ai nostri percorsi e di ricentrare costantemente l’annuncio sugli adulti. Sono infatti questi ultimi  i primi a poter riconoscere e sperimentare tutta la forza vitale di una partecipazione “piena, consapevole ed attiva” alla liturgia.
Pertanto già col prossimo convegno dei catechisti del 14 ottobre intendiamo avviare la riflessione attraverso una tavola rotonda che vedrà dialogare un parroco, un liturgista e un vescovo. Don Ivo Seghedoni, Andrea Grillo ed don Erio Castellucci  si interrogheranno e ci interpelleranno su cosa significhi una “comunità riunita” che si rinnova attraverso la vita liturgica.

La riflessione sui sacramenti della IC continuerà attraverso il corso base per i catechisti programmato nei giovedì di novembre

Tre sono le piste che desideriamo percorrere nel rimettere al centro il tema:
Quella antropologica, domandandoci cosa l’esperienza liturgica e sacramentale dicono dell'uomo e all’uomo di oggi.
Quella cristologica, domandandoci che cosa ci raccontano di Gesù Cristo e a quale esperienza viva del Risorto ci introducono.
Quella ecclesiologica e cioè come la chiesa si rinnova mentre li celebra.
In particolar modo su questo ultimo aspetto sarà lo stesso vescovo Erio a guidarci nella riflessione intervenendo giovedì 30 novembre.

Anche quest’anno sarà attivato il laboratorio teatrale di primo livello per  catechisti. “Il mantello infuocato” è un percorso  in cinque serate che introduce i partecipanti alla valorizzazione dell’arte teatrale e della narrazione per l’approfondimento e l’interiorizzazione delle pagine bibliche.
Si svolgerà nei mesi di febbraio-marzo. Occorre iscriversi perché i posti disponibili saranno solo 18.
Le iscrizioni a questo laboratorio si apriranno a novembre.

Prosegue poi il percorso di formazione all’accompagnamento degli adulti “Nicodemo”. Da febbraio a maggio si svolgeranno i laboratori del II anno del triennio, finalizzato in particolar modo ad abilitare i partecipanti alla programmazione e realizzazione di percorsi ed incontri con gli adulti.

Il consueto appuntamento dei “Cresimandi” con il nostro arcivescovo è fissato per sabato 10 marzo 2018, dalle 15 alle 17, al PalaPanini,

Infine, sul nostro sito troverete lungo l’anno liturgico e in prossimità dei “tempi forti” (Avvento, quaresima,…) delle schede di valorizzazione di una opera d’arte.
Schede per la valorizzazione dell’arte lungo l’anno liturgico curate dalla Commissione per l’annuncio attraverso l’arte

Per le informazioni sulle date e il materiale scaricabile, cliccate qui.
Per contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.